1/5

"Le donne, i cavallier, l'arme, gli amori, le cortesie, l'audaci imprese io canto..."

(Ludovico Ariosto, Orlando Furioso)

Soggiornando nelle stanze della Dimora Marfisa d’Este vivrai l’esperienza di abitare in una autentica casa ferrarese:  la lunga sala d’ingresso, le scale di marmo rosa sulla destra, il giardino in fondo, i pavimenti di cotto antico, le persiane delle finestre da chiudere la sera. 

Qualcosa di più di uno dei normali alloggi, un hotel o un b&b: qui ti troverai immerso in un luogo unico, pieno di storia. Proprio in queste stanze, di notte, fu cucita segretamente la bandiera tricolore che sventolò sul Municipio il giorno della Liberazione di Ferrara dal nazifascismo.

 

Camminerai tra le librerie colme dei ventimila volumi della Biblioteca di Giorgio Franceschini, avvocato, storico e partigiano. Le troverai ovunque, attraversando il grande salone L'audaci imprese, salendo le scale verso le camere o facendo colazione nella sala Le Cortesie.

Dalle stanze ascolterai il rumore lontano delle palline da tennis dei campi de Il Giardino dei Finzi Contini, su cui giocavano da ragazzi Giorgio Bassani e Michelangelo Antonioni.

Potrai goderti un momento di relax nel verde del cortile, all’ombra del grande Ginkgo Biloba, e mentre guardi il parco rinascimentale della Palazzina Marfisa d’Este, la nipote di Lucrezia Borgia e protettrice di Torquato Tasso, ti farai raccontare le leggende dei suoi infiniti amanti. 

 

O magari leggerai, mentre gusti la Tenerina, o qualcuna delle altre dolcezze tipiche, il libro omaggio che all’arrivo avrai trovato, diverso per ogni ospite, sul tuo comodino

Poi uscirai, a piedi o in bicicletta, e come un viaggiatore del Grand Tour dei secoli passati, lentamente ti perderai nella magica bellezza di Ferrara.

Corso Giovecca 168,
Ferrara, 44121  |  Italy

email: dimoramarfisadeste@gmail.com

  • Facebook Basic Black
  • Black Instagram Icon
  • Black Icon Vimeo

© 2023 by Dimora Marfisa d'Este.